Arnaut Daniel PC 29.14 Lo ferm voler qu’el cor mi’ntra. Testo critico e traduzione (ms. base A) – grafia normalizzata.

· Uncategorized
Autori

Arnaut Daniel  PC 29.14 Lo ferm voler qu’el cor mi’ntra. Testo critico e traduzione (ms. base A) – grafia normalizzata (secondo Levy PD con ritocchi)

G 73v

http://www.tudou.com/programs/view/qcbaSmPEIoI/

A = ms. Rome, Bibl. Apost. Vaticana, lat. 5232 – fin 13e/déb. 14e s.; scribe de Basse-Auvergne ou du Velay travaillant en Italie du Nord [Brunel 325; Zufferey2 64] B = ms. Paris, Bibl. Nat., fr. 1592 – 2e m. 13e s.; Haute-Auvergne [Brunel 152; Zufferey2 63]

A 39r
I1 Lo ferm voler qu’el cor m’intra
2 no·m pot ges becs escoissendre ni ongla
3 de lauzengier que pert per mal dir s’arma
4 e car no·l aus batre ab ram ni ab verga
5 sivals a frau lai on no·i aura oncle
6 jauzirai joi en vergier o dins cambra.

1 còr 2 pòt bècs

Il fermo volere che nel cuore mi entra nessun becco può stracciarmelo né unghia di lusingatore che  per maldicenza perde la sua anima, e perché non oso colpirlo con ramo né con verga, quantomeno di frodo, là dove non vi sarà zio, godrò gioia in verziere o dentro di camera.

II   7 Quan mi soven de la cambra
8 on a mon dan sai que nulhs hom non intra
9 ans me son tug plus que fraire ni oncle
10 non ai membre no·m fremisca ni ongla
11 aissi com fai l’enfas denan la verga
12 tal paor ai no·lh sia trop de l’arma.

8 hòm  12 tròp

Quando mi sovviene della camera dove a mio danno so che nessun uomo entra  (anzi mi sono tutti più che fratello e zio, non ho membra che non mi fremi né unghia, così come fa il fanciullo davanti alla verga: tale paura ho di essere troppo suo con l’anima [lett. tale paora ho di essere suo troppo con l’anima; cf.  fr. telle peur j’ai que je ne lui sois/appartienne trop de l’âme].]

III 13 Del cors li fos non de l’arma
14 e consentis m’a celat dins sa cambra          
15 que plus mi nafra·l cor que colps de verga
16 car lo seus sers lai on ilh es non intra
17 totztemps serai ab leis  cum carns e ongla
18 e non creirai castic d’amic ni d’oncle.

13 còrs  15 còr còlps 17 lèis

Con il corpo fossi suo, non con l’anima, e mi ammettesse di nascosto nella sua camera, perché più mi ferisce il cuore di colpo di verga, che il suo servo là dove lei è non entra; sempre sarò con lei come carne e unghia e non  crederò ammonimento d’amico, né di zio.

IV 19 Anc la seror de mon oncle
20 non amei tan ni plus per aquest’arma
21 qu’aitan vezis com es lo detz de l’ongla
22 s’a leis plagues volgr’esser de sa cambra
23 de mi pot far l’amors qu’ins el cor m’intra
24 melhs a son vol qu’hom fortz de frevol verga.

20 amèi   22 lèi vòlgr’ èsser 23 pòt cór 24 mèlhs vòl hòm fòrtz

Mai la sorella di mio zio amai di più né tanto, per questa anima, che quanto è vicino il dito all’unghia, se a lei piacesse, vorrei essere alla sua camera: di me può fare l’amore che nel cuore mi entra meglio a suo volere (più a suo talento) che uomo forte di debole verga.

V  25 Pois flori la seca verga
26 ni de·N Adam mogron nebot e oncle
27 tan fina amors com celha qu’el cor m’intra
28 non cug qu’anc fos en cors ni eis en arma
29 on qu’ilh estei  fors en plassa o dins cambra
30 mos cors no·is part de leis tan com ten l’ongla.

28 còr 29 còrs 29 estèi fòrs 30 còrs lèis

Da quando florì la secca verga e da Adamo mossero (nacquero) nipoti  e zii, un amore tanto puro come quello che nel cuore mi entra come quello che nel cuore mi entra non credo sia stato mai né in corpo né in anima: dovunque lei stia, fuori in piazza o dentro in camera, il mio cuore [\ corpo \ la mia persono = io]  non si allontana da lei tanto come si stende l’unghia.

30 primo auditu: il mio corpo non si allontano da lei tanto come tiene l’unghia (fin quando è in vita)

VI 31 Qu’aissi s’empren e s’enongla
32 mos cors el seu com l’escorsa en la verga
33 qu’ilh m’es de joi tors e palais e cambra
34 e non am tan fraire paren ni oncle
35 qu’en paradis n’aura doble joi m’arma
36 si ja nulhs hom per ben amar lai intra.

32 còrs escòrs 33 jòi 35  jòi 36 hòm

Così s’apprende e s’inunghia il mio corpo [\cuore] nel suo come la scorza nella verga, poiché mi è di gioia torre e palazzo e camera, e non amo tanto parente, fratello né zio, che in paradiso ne avrà doppia gioia l’anima, se mai alcun uomo per bene amare là entra.

31-32 primo auditu: Così s’apprende e s’inunghia il mio corpo nel suo

VII 37 Arnautz tramet sa canson d’oncle e d’ongla
38 a grat de leis que de sa verg(‘)a l’arma
39 son Dezirat cui Pretz en cambra intra.

38 lèis 39 prètz

38 a grat de leis que de sa verga l’arma vs. de sa verg’a l’arma.

Arnaldo trasmette la sua canzone di zio e d’unghia a grado (e piacere) di colei che della sua verga l’arma [\ che della sua verga ha l’anima] al suo Desiderato il cui Pregio in camera entra \ che Pregio fa entrare* in camera.

*intrar = faire rentrer PD cf. occ. moderno

 

 

A 39r

2 commenti

Comments RSS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: